Rain garden, perfetto se quando piove il giardino va sott'acqua

Pubblicato il 07/01/2016 nella categoria: Impara
Rain garden, perfetto se quando piove il giardino va sott'acqua

Oggi parliamo di rain garden e di come questo sistema all’avanguardia ed ecosostenibile possa essere un’ottima soluzione per evitare che alle prime piogge battenti il nostro giardino vada sott’acqua.  

Chi infatti dispone di un’area verde sottratta al cemento o un giardino urbano, vive ogni volta con apprensione quest’alternarsi di periodi di siccità a vere proprie bombe d’acqua, a rischio di alluvioni e smottamenti, perché ha a cuore la salute del terreno e soprattutto l’integrità delle proprie piante.

Ma prima di tutto, che cos’è il rain garden? Si tratta di un’aiuola depressa fatta per convogliare, filtrare e smaltire quell’acqua piovana che non viene normalmente riassorbita dal terreno dopo i temporali e si accumula in eccesso “annegando” la vegetazione. In pratica è una via di mezzo tra un biofiltro e un sistema di deflusso delle acque, che in poche ore bonifica e drena anche le acque provenienti da tetti, grondaie, e in genere dalle superfici rese impermeabili dalla cementificazione.

Chi realizza un rain garden in giardino (ma anche nell’aiuola di un parcheggio, come fanno alcune amministrazioni comunali) ha l’opportunità di veder crescere nuove specie appartenenti alle zone umide e lo scopo di prevenire l’erosione del suolo ed evitare pozze d’acqua stagnanti.

Questo sistema di filtrazione “verde”, se progettato bene, può portare tanti altri effetti positivi per l’ambiente: può aiutare a prevenire l’inquinamento delle acque, se si applicano oculatamente i principi della fitodepurazione; ha un discreto impatto estetico (può essere di differenti forme e dimensioni); attira animali e insetti benefici per il giardino e, cosa che non guasta, è uno spazio verde a bassa manutenzione.

Realizzare un rain garden (senza l’utilizzo di vasche apposite nel sottosuolo) vuole dire infatti ricreare, in un’aiuola depressa rispetto al piano circostante, l’habitat delle zone umide, completo di piante, terriccio e microorganismi, preparando una buca nel terreno riempita di materiale drenante della profondità necessaria per smaltire tutta l’acqua in un paio di giorni.

Nel prossimo post i 5 accorgimenti basilari per realizzare un rain garden a regola d’arte ed evitare che il vostro giardino vada sott’acqua.


Per approfondire, leggi anche: